Ciscs


Edav.it



LOGIN ABBONATI

Cerca negli articoli


   
Il portale di studi sulla comunicazione del CiSCS
Centro Internazionale dello Spettacolo e della Comunicazione Sociale
   



Visualizza tutte le notizie:



 

EN DUVA SATT P EN GREN OCH FUNDERADE P TILLVARON (Un piccione seduto su un ramo riflette sullesistenza)



Regia: Roy Andersson
Lettura del film di: Gian Lauro Rossi
Titolo del film: EN DUVA SATT P EN GREN OCH FUNDERADE P TILLVARON UN PICCIONE SEDUTO SU UN RAMO RIFLETTE SULLESISTENZA
Cast: Regia e scenegg.: Roy Andersson fotogr.: Istvn Borbs, Gergely Plos mus.: Traditional scenogr.: Ulf Jonsson, Julia Tegstrm, Nicklas Nilsson, Sandra Parment, Isabel Sjstrand cost.: Julia Tegstrm trucco e capelli: Linda Sandberg mont.: Alexandra Strauss interpr. princ.: Holger Andersson (Jonathan), Nils Westblom (Sam), Charlotta Larsson (Lotta Zoppa), Viktor Gyllenberg (Carlo XII), Lotti Trnros (Insegnante di flamenco), Jonas Gerholm (Colonnello solitario), Ola Stensson (Capitano/Barbiere), Oscar Salomonsson (Ballerino), Roger Olsen Likvern (Custode) colore durata: 100 produz.: Roy Andersson Filmproduktion AB con: 4 1/2 Fiksjon AS, Essential Filmproduktion, Parisienne de Production, Sveriges Television AB, Arte France Cinma, ZDF/ Arte origine: SVEZIA, NORVEGIA, FRANCIA, GERMANIA, 2014 distrib. int.: Coproduction Office
Sceneggiatura: Roy Andersson
Nazione: SVEZIA, NORVEGIA, FRANCIA, GERMANIA
Anno: 2014
Presentato: 71. Mostra Internazionale D'arte Cinematografica di Venezia (2014) CONCORSO
Premi: LEONE D'ORO per il miglior film

Che “Un piccione viaggiatore rifletta sull’esistenza umana” é un simpatico assurdo incredibile, ma invita al sorriso. Il film in questione racconta la  storia di due venditori ambulanti , Sam e Jonathan, che, per rendere felici le persone, propongono l’acquisto di prodotti che hanno lo scopo di farle divertire:  denti da vampiro con canini extra lunghi,  sacchetti che a compressione ridono in modo sarcastico  e maschere da zio Tom con un dente solitario”.  Questi prodotti però, non riscuotono successo.   Durante il loro peregrinare per proporre  questa merce,  fanno diversi incontri :

 

- una scuola di ballo, in particolare flamenco, dove l’insegnante che conduce, cerca di importunare un giovane ballerino da lui, però,  rifiutata, creando in lei delusione e sgomento.

 - la taverna di Lotte la Zoppa in cui,  per bere una grappa, era d’obbligo baciare la barista anziana e acciaccata ( questo perché i giovani non avevano soldi per pagare ).

 - un negoziante disperato che, pur avendo venduto alcuni dei prodotti acquistati,  non riusciva a pagare i commessi viaggiatori, perché era rimasto senza soldi, lasciando così inalterato il debito.

- un immaginario RE Carlo XII di Svezia che, con tutto il suo esercito, si stava recando a combattere una battaglia che avrebbe dovuto vincere  contro i Russi  al   suono di Glory, Glory, Hallelujah; preleva dal bar, in cui sono entrati in pompa magna con il cavallo,  il  giovane barista  che gli piaceva molto: distrutto e affaticato, ne torna però sconfitto, con l’estrema necessità di utilizzare un bagno, che trova occupato.  

- una struttura sanitaria dove era in atto una sperimentazione eseguita su una scimmia,  che emetteva un verso ogni qual volta l’infermiera al telefono, pronunciava la frase “sono contenta che tutte le cose vi vadano bene”      

- un sogno conturbante in cui dei militari introducevano diverse persone in un grande forno dalla struttura originale, per essere cotte a fuoco lento  (questa scena è stata introdotta con un titolo “homo sapiens”.

- un lungo corridoio, tipico da “Casa Protetta”, in cui i due commessi discutono a voce alta e con toni depressi (uno raccontava il sogno che lo aveva turbato e l’altro cercava di minimizzare, definendolo un “filosofo”), finché il custode ordina il silenzio.

Prima della vicenda vera e propria, il regista ci presenta tre episodi che trattano il tema  della morte (simbolicamente l’indifferenza, la cupidigia, la solitudine).

 

 

Ne segue la vicenda vera e propria che inizia in un museo dove un anziano signore contempla uccelli imbalsamati ed in particolare osserva un piccione viaggiatore, e termina su una strada dove un gruppo di persone sono in attesa di un tram (anch’essi rigidi, come se fossero imbalsamati).  Mentre tra di loro formulano discorsi sconnessi, alcuni piccioni viaggiatori ( che non si vedono ) emettono il loro verso,  attirando l’attenzione di queste persone.  

 

Cerchiamo di individuare l’idea centrale:

 

 

“  nell’osservare la vita delle persone dall’alto, come se fossimo  piccioni in volo, il Regista rileva che il  vissuto umano è ricco di episodi  e di esperienze tristi e  infelici. Questo spesso è frutto della incomunicabilità umana. Le persone non interagiscono e vivono con distacco le varie esperienze di vita.   Questa triste realtà non si cambia  con divertimenti puerili e banali. La stessa morte viene vissuta con tanta umana insensibilità, mentre il passaggio all’altra vita richiederebbe più attenzione”.

 

Il film, originale nella struttura narrativa e nel modo di rappresentare alcune scene, simpatico e ironico in certe battute, non induce però a viverlo con simpatia, in quanto triste, opprimente e lapidario nel giudizio del regista sull’umanità attuale, che certamente porta tanti difetti, ma anche diversi pregi. (Gian Lauro Rossi) 

 


RSSFacebookGoogleYoutubeSkypeEmail

Iscriviti alla newsletter
sarai aggiornato sulle nostre attività
Nome
E-mail

È il momento del
5 per millle... sostienici!!!

C.F. 02447530581


SPECIALE ASTA
Vendiamo all'asta
due fantastici cimeli della
storia del cinema.

Un'occasione imperdibile per tutti gli appassionati e i collezionisti


"La moviola"
"La poltrona di Fellini"

   
   
    Direzione: Via Giolitti 208, 00185 Roma (RM) - Tel e Fax 06/7027212
Redazione e Amministrazione: Via XX Settembre 79, 19121 La Spezia (SP) - Tel e Fax 0187/778147
C.F. 02447530581 - email: ciscs@edav.it