Ciscs


Edav.it



LOGIN ABBONATI

Cerca negli articoli


   
Il portale di studi sulla comunicazione del CiSCS
Centro Internazionale dello Spettacolo e della Comunicazione Sociale
   



Visualizza tutte le notizie:



 

LA VITA OSCENA



Regia: Renato De Maria
Lettura del film di: Olinto Brugnoli
Titolo del film: LA VITA OSCENA
Titolo originale: LA VITA OSCENA
Cast: regia: Renato De Maria sogg.: Renato De Maria, Aldo Nove fotogr.: Daniele Cipr scenogr.: Alessandra Mura cost.: Jessica Zambelli suono: Maximilien Bernard Gobiet mont.: Letizia Caudullo, Jacopo Quadri mus.: Riccardo Sinigallia, Vittorio Cosma, Gianni Maroccolo, Max Casacci consulenza visiva e cost. x Metayer: Sarah Grittini collaboraz. speciale: Nico Vascellari, Carmelita Cat Codalunga, Skateboard Ninos Du Brasil interpreti principali: Isabella Ferrari, Clment Mtayer, Roberto De Francesco, Andrea Renzi, Iaia Forte, Anita Kravos, Eva Riccobono, Valentina Reggio, Vittoria Schisano, Valentina Bell, Duccio Camerini; con la voce narrante di Fausto Paravidino colore durata: 85 produz.: Film Vision con Lebowski e Monochrome origine: ITALIA, 2013.
Sceneggiatura: Renato De Maria, Aldo Nove
Nazione: ITALIA
Anno: 2013
Presentato: 71. Mostra Internazionale D'arte Cinematografica di Venezia (2014) ORIZZONTI

Il film è tratto dall’omonio romanzo autobiografico di Antonio Centanin, in arte Aldo Nove.

 

Protagonista è Andrea, un poeta adolescente appassionato di skateboard, che vive una vita felice e serena in perfetta armonia con il padre e con l'amatissima madre. Ma improvvisamente le cose cambiano in modo radicale. Il padre muore improvvisamente per un ictus cerebrale e alla madre viene diagnosticato un tumore. Dopo la morte anche della madre, Andrea vorrebbe farla finita. Si lascia andare e, per incuria, provoca l'esplosione della sua casa. Ricoverato in ospedale, in preda a visioni allucinatorie, riceve la visita del suo professore di italiano che gli apre le porte per l'Università di Milano. Ma giunto a Milano, Andrea si abbandona ad una vita sfrenata a base di sesso e di droga sperando di morire come il suo poeta preferito, Georg Trakl. Ma anziché morire Andrea viene ricoverato in ospedale e viene salvato. Dopo questa discesa agli inferi, Andrea è ora pronto a riprendersi la sua vita e a raccontarla diventando un poeta e uno scrittore.

La “vita oscena” è pertanto l'abisso di desolazione cui le circostanze hanno portato Andrea; un abisso che sembra essere il passaggio obbligato per una rinascita a vita nuova. Ma il passaggio dal desiderio di morte ad una vita piena non viene sufficientemente chiarito dal punto di vista tematico e appare immotivato, così come la voce over rivela l'origine letteraria dell'opera e risulta pleonastica.

(Olinto Brugnoli)   

 


RSSFacebookGoogleYoutubeSkypeEmail

Iscriviti alla newsletter
sarai aggiornato sulle nostre attività
Nome
E-mail

È il momento del
5 per millle... sostienici!!!

C.F. 02447530581


SPECIALE ASTA
Vendiamo all'asta
due fantastici cimeli della
storia del cinema.

Un'occasione imperdibile per tutti gli appassionati e i collezionisti


"La moviola"
"La poltrona di Fellini"

   
   
    Direzione: Via Giolitti 208, 00185 Roma (RM) - Tel e Fax 06/7027212
Redazione e Amministrazione: Via XX Settembre 79, 19121 La Spezia (SP) - Tel e Fax 0187/778147
C.F. 02447530581 - email: ciscs@edav.it