Ciscs


Edav.it



LOGIN ABBONATI

Cerca negli articoli


   
Il portale di studi sulla comunicazione del CiSCS
Centro Internazionale dello Spettacolo e della Comunicazione Sociale
   



Visualizza tutte le notizie:



 

LA RANON DE LA GLOIRE Il prezzo della gloria



Regia: Xavier Beauvois
Lettura del film di: Gian Lauro Rossi
Titolo del film: LA RANON DE LA GLOIRE IL PREZZO DELLA GLORIA
Titolo originale: LA RANON DE LA GLOIRE IL PREZZO DELLA GLORIA
Cast: regia: Xavier Beauvois scenegg.: Xavier Beauvois , tienne Comar mus.: Michel Legrand fotogr: Caroline Champetier scenogr.: Yann Mgard mont.: Marie-Julie Maille suono: Jean-Jacques Ferran, Eric Bonnard, Loc Prian cost.: Franoise Nicolet trucco: Catherine Bruchon interpr. princ.: Benot Poelvoorde (Eddy Ricaart), Roschdy Zem (Osman Bricha), Seli Gmach (Samira), Chiara Mastroianni (Rosa), Nadine Labaki (Noor) colore durata: 114 produz.: Why Not Productions origine: FRANCIA, BELGIO, SVIZZERA, 2014 distrib. inter.: Wild Bunch
Sceneggiatura: Xavier Beauvois , tienne Comar
Nazione: FRANCIA, BELGIO, SVIZZERA,
Anno: 2014
Presentato: 71. Mostra Internazionale D'arte Cinematografica di Venezia (2014) CONCORSO

È la storia di Eddy (ladruncolo per necessità, ma di buon cuore) che, avendo finito di scontare una pena, esce dalla prigione di un paesino Svizzero sul lago di Ginevra. Ad attenderlo vi è l’amico Osman a lui riconoscente, perché, in un recente passato, gli aveva salvato la vita. Lo ospita in una vecchia e malconcia, ma funzionale roulotte, mentre lui e sua figlia gli vivono accanto in una casetta di legno molto spartana.  Eddy, a sua volta, aveva l’impegno di seguire la figlia di Osman, Samira, di sette anni, negli studi e nei divertimenti, durante le ore in cui il padre lavorava per combattere la povertà e accumulare soldi, affinché la moglie, ricoverata in ospedale, potesse sottoporsi ad un intervento importante e a pagamento sulla sua anca. In caso contrario non avrebbe potuto lavorare per assistere la moglie che avrebbe corso il rischio di rimanere costantemente in carrozzella. Eddy conviene sul suo impegno per Samira che si dimostra grata e contenta, e, con il dissenso di Osman, mette in atto piccoli furti per regalare a tutti e tre un Natale apparentemente normale. Tra i regali Eddy si procura un apparecchio televisivo e, attraverso i telegiornali viene a sapere della morte di Charlie Chaplin e della enorme eredità lasciata alla famiglia. Da lì un’idea che ritiene eccezionale: quella di trafugare la salma di Chaplin e chiedere un riscatto significativo alla famiglia. Riesce a convincere Osman della bontà dell’impresa, nonostante i suoi tanti dubbi e incertezze. Le modalità con cui chiedono il riscatto, sono proprio da principianti, tanto che non riescono a farla franca e vengono catturati. Nel frattempo Eddy accetta, in un circo, un posto da clown, che accetta, sollecitato dalla proprietaria, di cui si è invaghito, amore corrisposto. Solo con uno strategico intervento del segretario di Chaplin,i due vengono assolti e Osman può pagare l’intervento della moglie.   Eddy,  dopo aver ricevuto un dolce affettuoso bacio dall’amata, si esibisce, commosso e felice, nel circo. Le diverse modalità filmiche mettono in risalto momenti di tristezza e di gioia, momenti di ironia e di serietà che accompagnano momenti di altruismo disinteressati.

 

Da qui si può evidenziare l’idea centrale del film che può essere un invito:

 

 

“a  vivere la vita prestando attenzione ai bisogni reali delle persone, a non giudicare, ma a saper distinguere tra chi commette illegalità per necessità e chi per avidità, seguendo la filosofia del famoso personaggio interpretato da Chaplin che affronta la vita con quel pizzico di dolce, serena, bonaria ironia che produce comportamenti adatti a risolvere anche le  questioni più complicate”.

 

 

 

 

Il film è gradevole, narrativamente scorrevole, le musiche sono efficaci e accomunano l’ambientazione a quella dei film di Chaplin. Mi pare che i protagonisti siano veramente all’altezza di quel tocco di drammaticità e di ironia allo stesso tempo, tale da riportarci con piacere ai suoi films del passato. (Gian Lauro Rossi)

 


RSSFacebookGoogleYoutubeSkypeEmail

Iscriviti alla newsletter
sarai aggiornato sulle nostre attività
Nome
E-mail

È il momento del
5 per millle... sostienici!!!

C.F. 02447530581


SPECIALE ASTA
Vendiamo all'asta
due fantastici cimeli della
storia del cinema.

Un'occasione imperdibile per tutti gli appassionati e i collezionisti


"La moviola"
"La poltrona di Fellini"

   
   
    Direzione: Via Giolitti 208, 00185 Roma (RM) - Tel e Fax 06/7027212
Redazione e Amministrazione: Via XX Settembre 79, 19121 La Spezia (SP) - Tel e Fax 0187/778147
C.F. 02447530581 - email: ciscs@edav.it