Ciscs


Edav.it



LOGIN ABBONATI

Cerca negli articoli


   
Il portale di studi sulla comunicazione del CiSCS
Centro Internazionale dello Spettacolo e della Comunicazione Sociale
   



Visualizza tutte le notizie:



 

DE JUEVES A DOMINGO



Regia: Dominga Sotomayor Castillo
Lettura del film di: Adelio Cola
Titolo del film: DE JUEVES A DOMINGO
Titolo originale: DE JUEVES A DOMINGO
Cast: regia, scenegg.: Dominga Sotomayor Castillo scenogr.: Estefania Larrain fotogr.: Brbara lvarez mont.: Danielle Fillios, Catalina Marn Duarte cost.: Juana Daz interpr. princ.: Santi Ahumada (Lucia), Emiliano Freifeld (Manuel), Paola Giannini (Ana), Francisco Prez-Bannen (Pap), Jorge Becker (Jorge), Axel Dupr (Jos) durata:96' colore produz.: Forastero, Cinestacion, Circe Films origine: CILE/OLANDA, 2012 - distrib.:
Sceneggiatura: Dominga Sotomayor Castillo
Nazione: CILE/OLANDA
Anno: 2012
Presentato: 30 TORINO FILM FESTIVAL 2012 - Festa Mobile

I giorni da giovedì a domenica di quella settimana sono stati felici e gioiosi fino quasi al termine della bella vacanza promessa dal papà ai suoi due bambini. Vediamo genitori e figli ben attrezzato per il campeggio. Al momento di partire la moglie esita indecisa. “Ma se n’è parlato!” la rassicura il marito. E via. I giorni passano tra semplici avventure di viaggio, strade sconosciute, paesaggi desolati lontani da ogni convivenza umana. I bambini, lui sette anni, lei dieci, se la godono da matti! I genitori un poco meno: non è la prima volta per loro. Il marito s’è dato appuntamento e tre giorni di viaggio con un collega in un luogo deserto. Arrivano e si accampano. Piccole avventure diurne e notturne punteggiano la vacanza. Ultimo giorno: mentre la bambina lava una pentola nel ruscello che scorre a pochi passi dalle tende scopre il collega del papà che, accosciato su una romantica isoletta di sassi in mezzo alla corrente, bacia affettuosamente sua mamma. Ne rimane impressionata: è il momento nel quale tra i personaggi del film la bambina si distingue per evoluzione psicologica e quindi assurge al livello di protagonista. Il modo di svolgersi dei fatti da quel momento in poi cambia completamente. La madre si allontana e non viene ritrovata dal marito che la chiama a voce alta (“Anna, Anna...”) e dalla figlia che la cerca in silenzio. Intanto si fa sera. A notte fonda si rifà presente, accetta di tornare in macchina ma non la riconosciamo più nel suo mutismo e nella scontrosità con cui tratta il marito. Per la verità neppure durante il viaggio era stata molto serena e disinvolta. La coesione inalterata della famiglia ora è compromessa per sempre.

 

L’interpretazione dei bambini è ammirabile per naturalezza e spontaneità. Gli adulti hanno compiti difficili da interpretare.

La morale della fiction appare evidente agli spettatori che si sono lasciati coinvolgere dalla evoluzione psicologica della piccola protagonista.

 


RSSFacebookGoogleYoutubeSkypeEmail

Iscriviti alla newsletter
sarai aggiornato sulle nostre attività
Nome
E-mail

È il momento del
5 per millle... sostienici!!!

C.F. 02447530581


SPECIALE ASTA
Vendiamo all'asta
due fantastici cimeli della
storia del cinema.

Un'occasione imperdibile per tutti gli appassionati e i collezionisti


"La moviola"
"La poltrona di Fellini"

   
   
    Direzione: Via Giolitti 208, 00185 Roma (RM) - Tel e Fax 06/7027212
Redazione e Amministrazione: Via XX Settembre 79, 19121 La Spezia (SP) - Tel e Fax 0187/778147
C.F. 02447530581 - email: ciscs@edav.it