Ciscs


Edav.it



LOGIN ABBONATI

Cerca negli articoli


   
Il portale di studi sulla comunicazione del CiSCS
Centro Internazionale dello Spettacolo e della Comunicazione Sociale
   



Visualizza tutte le notizie:



 

ARTHUR NEWMAN



Regia: Dante Ariola
Lettura del film di: Adelio Cola
Titolo del film: ARTHUR NEWMAN
Titolo originale: ARTHUR NEWMAN
Cast: regia: Dante Ariola scenegg.: Becky Johnston scenogr.: Christopher Glass fotogr.: Eduard Grau mont.: Olivier Bugge Coutt - cost.: Nancy Steiner interpr. princ.: Emily Blunt (Mike), Colin Firth (Arthur Newman), Anne Heche (Mina Crawley), David Andrews (Fred Willoughby), Sterling Beaumon (Grant), Lucas Hedges (Kevin Avery) durata:101' - colore produz.: Lisa Bruce, Andy Cappuccino, Helen Cappuccino, Michael Cappuccino, Natalie G. Hill, James A. Holt, Becky Johnston, Brian Olivier, Alisa Tager per Vertebra Films, Cross Creek Pictures origine: USA, 2012 distrib.:
Sceneggiatura: Becky Johnston
Nazione: USA
Anno: 2012
Presentato: 30 TORINO FILM FESTIVAL 2012 - Torino 30

Il titolo riferisce lo pseudonimo d’un americano di mezza età divorziato, celebre giocatore di golf. Arrivato al successo, stanco e deluso del noioso tran tran della vita, decide di piantar tutto e fuggire lontano. Egli è sensibile e generoso: si lascia commuovere da una giovane sola e sfortunata. La accoglie come compagna di viaggio nella sua macchina e con lei gira il mondo in cerca di emozioni. Giorno dopo giorno l’estranea gli si professa amica, anzi gli confida che desidera essere considerata sua moglie e ci riesce. Incontra un suo fan che lo riconosce sotto il falso nome e lo compatisce quando gli presenta “la moglie” che si dichiara “prostituta”! Il protagonista conserva una certa nostalgia di casa. “ha cambiato cielo, ma non è soddisfatto. Quando ripensa al figlio preadolescente, rimane sopra pensiero perché quest’ultimo non ha mai intrattenuto buoni rapporti con lui (“Io di mio padre non me ne importa niente!”) La sua compagna ha tentato più volte di abbandonarlo: così egli interpreta le sue ripetute scomparse per poi rifarsi viva dietro l’angolo. Ella è mentalmente disturbata, medita di tornare a rivedere la sorella gemella, più sfortunata e ammalata di lei. Sono due creature rimaste sole al mondo, resti d’una famiglia disgraziata. Alla fine le gemelle si incontreranno nell’istituto del loro ricovero e il protagonista si presenterà sulla porta di casa sua, dove l’ex moglie resta sorpresa di rivederlo ma non lo invita a entrare mentre il figlio gli gira le spalle.

 

Film di genere romantico tradizionale con lui divorziato stanco e annoiato, che rimane vittima delle sue frustrazioni. Il lavoro è ben diretto, interpretato dal protagonista che si mantiene abbastanza freddo e ‘ingessato’ in un ruolo scarsamente condiviso. (Lo spettatore rimpiange l’interprete che aveva ammirato nel film “Il discorso del re”). L’opera va ad aggiungersi al lungo elenco di quelle che affrontano senza particolare pregi il genere di commedie borghesi.

 


RSSFacebookGoogleYoutubeSkypeEmail

Iscriviti alla newsletter
sarai aggiornato sulle nostre attività
Nome
E-mail

È il momento del
5 per millle... sostienici!!!

C.F. 02447530581


SPECIALE ASTA
Vendiamo all'asta
due fantastici cimeli della
storia del cinema.

Un'occasione imperdibile per tutti gli appassionati e i collezionisti


"La moviola"
"La poltrona di Fellini"

   
   
    Direzione: Via Giolitti 208, 00185 Roma (RM) - Tel e Fax 06/7027212
Redazione e Amministrazione: Via XX Settembre 79, 19121 La Spezia (SP) - Tel e Fax 0187/778147
C.F. 02447530581 - email: ciscs@edav.it