Ciscs


Edav.it



LOGIN ABBONATI

Cerca negli articoli


   
Il portale di studi sulla comunicazione del CiSCS
Centro Internazionale dello Spettacolo e della Comunicazione Sociale
   



Visualizza tutte le notizie:



 

ALBERT NOBBS



Regia: Rodrigo Garca
Lettura del film di: Adelio Cola
Titolo del film: ALBERT NOBBS
Titolo originale: ALBERT NOBBS
Cast: regia: Rodrigo Garca sogg.: George Moore, dal racconto The Singular Life of Albert Nobbs scenegg.: Gabriella Prekop, John Banville, Glenn Close fotog.: Michael McDonough mont.: Steven Weisberg scenogr.: Patrizia Von Brandenstein cost.: Pierre-Yves Gayraud mus.: Brian Byrne interpr. e personaggi: Glenn Close (Albert Nobbs), Aaron Johnson (Joe), Mia Wasikowska (Helen), Janet McTeer (Hubert), Pauline Collins (la signora/Mrs Baker), Brenda Fricker (Polly), Jonathan Rhys Meyers (Viscount Yarrell), Brendan Gleeson (il dottor/Dr Holloran) durata: 114 colore produtt.: Glenn Close, Bonnie Curtis, Julie Lynn, Alan Moloney produz.: Trillium Production, Mockingbird Pictures, Parallel Film Productions
Sceneggiatura: Gabriella Prekop, John Banville, Glenn Close
Nazione: IRLANDA
Anno: 2011
Presentato: 29. Torino Film Festival FESTA MOBILE: FIGURE NEL PAESAGGIO

“Polpettone!”, sento protestare in sala. Sì, d’accordo, ma con ingredienti di prima scelta. Il film è interpretato in modo ammirevole da tutti i personaggi. La/il protagonista, (una nuova Victoria/Victor, donna truccata da uomo) esce di scena prima della fine del film (muore dopo eccessiva emozione di delusione disperata) e il tema delle donne dell’800 inglese disprezzate continua. Le vicende e i fatti della storia costituiscono il ‘polpettone’. L’intreccio è causato da gelosie, invidie, conseguenze del risparmio (Lei/lui) e di avarizia dei comprimari (la padrona dell’albergo di lusso, nel quale lavora sotto pseudonimo di Albert Nobbs la protagonista, che fa parte del personale dipendente. A complicare, ma alla fine a semplificare e risolvere i problemi, entra in campo un’altra donna travestita da maschio. Per la donna (in Inghilterra, allora...) non c’era né rispetto né accettazione civile del suo sesso. Una servetta, concupita e resa incinta da un giovane operaio “esperto di caldaia” (da riparare nell’albergo in cui lavora anche la protagonista, dopo il suo licenziamento dal precedente: è il pretesto per fare incontrare i due in cerca di ...fortuna!), che le promette l’America, si lascia convincere da ms.. Nobbs, che lei non sa essere una donna, a progettare il futuro con lei che la “desidera” (vedi i regali che le fa). Quest’ultima viene abbandonata per gelosia dal giovane ed entra così nel ruolo di ‘sedotta e abbandonata’ con bebé sulle braccia, in attesa di ‘allontanamento’ dopo la morte del falso Albert Nobbs, deluso/a perché scoperta nella sua identità,. La seconda donna/uomo si offre di prendersi cura della poveretta e di suo figlio. E la storia di donne sfortunate d’essere venute al mondo in quelle circostanze storiche continua. Ma il film finalmente finisce. Il racconto del tristissimo passato delle due donne travestite è dalle medesime riferito dalle loro voci (senza flashback). Un malinconico leit motiv musicale accompagna le sventure femminili del film, che si svolge tutto in interni lussuosi con personaggi femminili ‘sofferenti’, tra i quali la protagonista disperatamente rassegnata al suo destino (il forzato ossimoro diventa il motore della complicata sceneggiatura). Stridente è il contrasto tra il minuzioso teatrale galateo dei nobili ospiti accolti dalla signora dell’albergo e la loro condotta in privato (alcol e sesso). E’ saggio ma molto problematico da mettere in pratica il consiglio rivolto indirettamente a tutti, ma dedicato in particolare alla protagonista “ Sii te stessa!”; ella avrebbe potuto rispondere: “La verità fa male”.

 

 


RSSFacebookGoogleYoutubeSkypeEmail

Iscriviti alla newsletter
sarai aggiornato sulle nostre attività
Nome
E-mail

È il momento del
5 per millle... sostienici!!!

C.F. 02447530581


SPECIALE ASTA
Vendiamo all'asta
due fantastici cimeli della
storia del cinema.

Un'occasione imperdibile per tutti gli appassionati e i collezionisti


"La moviola"
"La poltrona di Fellini"

   
   
    Direzione: Via Giolitti 208, 00185 Roma (RM) - Tel e Fax 06/7027212
Redazione e Amministrazione: Via XX Settembre 79, 19121 La Spezia (SP) - Tel e Fax 0187/778147
C.F. 02447530581 - email: ciscs@edav.it