Ciscs


Edav.it



LOGIN ABBONATI

Cerca negli articoli


   
Il portale di studi sulla comunicazione del CiSCS
Centro Internazionale dello Spettacolo e della Comunicazione Sociale
   



Visualizza tutte le notizie:



 

INJU, LA BTE DANS LOMBRE



Regia: Barbet Schroeder
Lettura del film di: Olinto Brugnoli
Titolo del film: INJU, LA BTE DANS LOMBRE
Titolo originale: INJU, LA BTE DANS LOMBRE
Cast: regia: Barbet Schroeder - scenegg.: Jean Armand Bougrelle, Frdrique Henri, Barbet Schroeder - scenogr.: Sasaki Takashi - fotogr.: Luciano Tovoli - mont.: Luc Barnier - mus.: Jorge Arriagada - cost.: Milena Canonero - interpr.: Benoit Magimel, Lika Minamoto, Gen Shimaoka, Ryo Ishibashi, Shun Sugata, Tomonobu Fukui - durata: 105' - colore - produz.: SBS Film - origine: Francia, 2008 - distrib.: UGC International
Nazione: FRANCIA
Anno: 2008
Presentato: 65. Mostra Internazionale d'Arte Cinematografica di Venezia - 2008 - Concorso

Il regista. Barbet Schroeder nasce a Teheran nel 1941. Lavora dapprima come critico cinematografico per i famosi Cahiers du Cinema e poi collabora con Jean-Luc Godard per il film Les Carabiniers. Viene in seguito nominato all’Oscar per la miglior regia con Reversal of Fortune.

La vicenda. Lo scrittore francese Alex Fayard è famoso per i suoi racconti polizieschi che emulano quelli del mitico Shundei Oe, un misterioso autore giapponese, considerato in patria un fenomeno e definito come “la bestia immonda” per le sue opere violente e provocatorie. Alex viene invitato proprio in Giappone per la promozione del suo ultimo libro. La sua speranza è quella di incontrare il suo idolo, ma alcuni segni premonitori turbano il suo viaggio. Accolto con tutti gli onori, partecipa ad un talk show in cui dovrebbe essere presente anche Oe; ma questi non si fa vivo e gli lancia per telefono minacce che tentano di intimorirlo. Durante una visita ad una casa da the Alex incontra un’affascinante gheisa, Tamao, che gli confida un terribile segreto: è minacciata di morte da un suo ex amante che potrebbe essere proprio Oe. Alex, che si è invaghito della ragazza, promette di difenderla. Inizia la ricerca del misterioso personaggio, che però non si mostra mai e si fa vivo in vario modo solo per provocare e terrorizzare Alex. Ad un certo punto Tamao confessa ad Alex di essere incinta di un importante uomo d’affari, Mogi, e che pertanto Oe potrebbe tentare di vendicarsi di lui uccidendolo. Alex cerca di avvisare Mogi, ma viene respinto e brutalmente picchiato. Tamao gli consegna una pistola per potersi difendere. Alex incomincia a sospettare che Oe e Mogi siano la stessa persona e approfitta di un incontro amoroso tra Tamao e Mogi per ispezionare la casa di quest’ultimo. Avendo scoperto che l’incontro amoroso è di tipo sadico, di fronte alle urla di terrore di Tamao, Alex uccide Mogi. Dopo un anno lo ritroviamo in prigione. Gli viene a far visita un tizio che lui aveva interrogato circa Oe e gli fa una rivelazione a dir poco scioccante.
Il racconto. La struttura del film è sostanzialmente lineare, con l’inserimento, però, di alcuni flashback che si riferiscono a certi incubi di Alex o alla rievocazione della storia raccontata da Tamao circa la sua vita. L’incipit è costituito dalla proiezione di un film di estrema violenza tratto da un racconto di Oe. Ma questo lo si viene a sapere solo dopo la fine della proiezione, quando ci si accorge che in realtà si tratta di un filmato utilizzato da Alex per illustrare a degli studenti l’opera dello scrittore giapponese. È già una chiara indicazione dell’impostazione del film, che cerca subito di afferrare l’attenzione dello spettatore, coinvolgendolo emotivamente. Anche gli incubi di Alex, quasi delle premonizioni, servono a creare un alone di mistero e di tensione. La storia di Tamao innesca poi il meccanismo tipico del giallo: chi sarà mai questo Oe, che di volta in volta viene definito come un personaggio dalla personalità disturbata, un essere non umano, una bestia (come dice il titolo del film) nell’ombra? Ci sono poi gli equivoci e i colpi di scena; la presenza quasi palpabile e paurosa di Oe, rappresentato da quell’immagine deformata che si trova sulla copertina del libro o da una voce arcana e inquietante o da una risata beffarda. Naturalmente non possono mancare le scene d’amore e di passione, il sadismo, gli inseguimenti, la violenza, i sospetti, ecc.
E soprattutto l’epilogo (“Un anno dopo”) in cui troviamo il protagonista in prigione che riceve la rivelazione sconcertante e beffarda; un vero e proprio colpo di scena che finalmente acquieta la curiosità dello spettatore, anche se non si può parlare di lieto fine.
Da quanto osservato si può concludere dicendo che l’intenzione dell’autore è certamente di tipo spettacolare. Sono presenti, è vero, degli spunti tematici. Fin dall’inizio si sente parlare di bene e di male e si osserva che la differenza tra Alex e Oe è principalmente questa: nelle opere di Alex è spesso il bene a trionfare (pur tra mille difficoltà), mentre in quelle di Oe prevale sempre il male. Se questo fosse l’assunto del film si potrebbe dire che in questo caso è proprio il male ad averla vinta; infatti l’ingenuo Alex viene incastrato e resta vittima degli avvenimenti. Un altro spunto lo si può trovare nel gioco realtà/finzione. Fino a che punto la finzione è tale e fino a che punto può essere più reale della realtà? Spunti decisamente interessanti se venissero approfonditi ed assumessero un ruolo tematico portante. Mentre sembrano rimanere sospesi all’interno di una struttura che privilegia lo spettacolo e il gioco delle emozioni. (Olinto Brugnoli)
 


RSSFacebookGoogleYoutubeSkypeEmail

Iscriviti alla newsletter
sarai aggiornato sulle nostre attività
Nome
E-mail

È il momento del
5 per millle... sostienici!!!

C.F. 02447530581


SPECIALE ASTA
Vendiamo all'asta
due fantastici cimeli della
storia del cinema.

Un'occasione imperdibile per tutti gli appassionati e i collezionisti


"La moviola"
"La poltrona di Fellini"

   
   
    Direzione: Via Giolitti 208, 00185 Roma (RM) - Tel e Fax 06/7027212
Redazione e Amministrazione: Via XX Settembre 79, 19121 La Spezia (SP) - Tel e Fax 0187/778147
C.F. 02447530581 - email: ciscs@edav.it