Ciscs


Edav.it



LOGIN ABBONATI

Cerca negli articoli


   
Il portale di studi sulla comunicazione del CiSCS
Centro Internazionale dello Spettacolo e della Comunicazione Sociale
   



Visualizza tutte le notizie:



 

SNOW CANON



Regia: Mati Diop
Lettura del film di: Franco Sestini
Titolo del film: SNOW CANON
Titolo originale: SNOW CANON
Cast: regia: Mati Diop sceneggiatura: Mati Diop, Judith Lou Levy fotografia: Jordane Chouzenoux - montaggio: Ael Dallier Vga scenografia: Colombe Gillet costumi: Anne Billette musica: Sylvain Coppans produzione: Charlotte Vincent origine: Francia, 2011 colore durata: 33- interpreti: Nilaya Bal, Gael Fouchet, Nour Mobarak, Chan Coc, Alban Guyon Distribuzione italiana: Aurora Film
Sceneggiatura: Mati Diop, Judith Lou Levy
Nazione: FRANCIA
Anno: 2011
Presentato: 68. Mostra Internazionale d'Arte Cinematografica di Venezia - 2011 Orizzonti

È la storia di Vanina, una adolescente che sta trascorrendo le vacanze in uno chalet sulle Alpi Francesi; tutta sola in questa grande casa, ascolta lo scricchiolio del pavimento, e tutti gli altri suoni tipici di una casa, mentre accarezza il suo adorato coniglietto Souci; la giovane sta attendendo una baby-sitter inviata (presumibilmente dai genitori di Vanina) e quando questa arriva, scopriamo essere poco più grande della ragazzina: si chiama Mary-Jane e anche lei adora chattare con il telefonino, in particolare con un ragazzo che sembra interessarle molto, ma con il quale pare esserci qualche problema.

Le due ragazze fanno subito amicizia e dopo un iniziale «annusamento vicendevole», stringono una buona relazione: la prima uscita è una gita sui pendii più alti e scoscesi delle Alpi, dove – mentre la baby-sitter si ferma a parlare con il fidanzatino (e la telefonata appare abbastanza burrascosa), Vanina prosegue per il sentiero, cosicché Mary-Jane al termine della conversazione non riesce più a ritrovarla dove l’aveva lasciata. Apparentemente preoccupata, la segue e la chiama a voce altissima, finché non la trova poco distante, intenta a contemplare le magnifiche vedute alpine.

Al ritorno a casa, Vanina regala all’altra ragazza alcuni gioielli e capi di abbigliamento, come se fosse una sorta di impegno amicale che duri almeno fino a quando verranno utilizzati gli oggetti donati. E la frase che accompagna il dono («puoi prendere tutto quello che vuoi») e sintomatica della disponibilità di Vanina nei confronti dell’amica.

Arriva il momento in cui May-Jane deve ripartire – il film non dice quanti giorni dura la permanenza della ragazza – e l’addio tra le due giovani è bello e semplice allo stesso tempo: nessun arrivederci a… e neppure nessun appuntamento a…, ma solo un bacio sulla guancia ed un sincero ringraziamento reciproco.

Durante i titoli di coda si vedono alcuni spezzoni delle due ragazze che ballano in una discoteca: sono della vicenda temporalmente attuale o di un futuro nel quale Vanina e Mary-Jane si ritrovano? Non lo sappiamo, ma certamente un legame si è stretto tra le due donne.

In poco più di mezzora di narrazione, la regista Diop – non ancora trentenne – ci mostra uno spaccato di vita di due esponenti dell’attuale società giovanile: una è ricca e abita in questo magnifico chalet montano, mentre l’altra è una «normale lavoratrice» e per mantenersi fa la baby-sitter; eppure tra le due si instaura una sorta di legame che va oltre la condizione sociale e che forse potrebbe essere destinato a durare anche dopo la permanenza in quella specifica vacanza.

Il film è ben realizzato, con splendide vedute montane e ben interpretato dalle due ragazzine; credo che da Mati Diop, stante anche la sua giovane età, ci si possa attendere qualcosa di buono in un prossimo futuro; auguri! (Franco Sestini)

 


RSSFacebookGoogleYoutubeSkypeEmail

Iscriviti alla newsletter
sarai aggiornato sulle nostre attività
Nome
E-mail

È il momento del
5 per millle... sostienici!!!

C.F. 02447530581


SPECIALE ASTA
Vendiamo all'asta
due fantastici cimeli della
storia del cinema.

Un'occasione imperdibile per tutti gli appassionati e i collezionisti


"La moviola"
"La poltrona di Fellini"

   
   
    Direzione: Via Giolitti 208, 00185 Roma (RM) - Tel e Fax 06/7027212
Redazione e Amministrazione: Via XX Settembre 79, 19121 La Spezia (SP) - Tel e Fax 0187/778147
C.F. 02447530581 - email: ciscs@edav.it