Ciscs


Edav.it



LOGIN ABBONATI

Cerca negli articoli


   
Il portale di studi sulla comunicazione del CiSCS
Centro Internazionale dello Spettacolo e della Comunicazione Sociale
   



Visualizza tutte le notizie:



 

PALACIOS DE PENA



Regia: Gabriel Abrantes e Daniel Schmidt
Lettura del film di: Franco Sestini
Titolo del film: PALACIOS DE PENA
Titolo originale: PALACIOS DE PENA
Cast: regia, sceneggiatura, montaggio e musica: Gabriel Abrantes, Daniel Schmidt fotografia: Eberhard Schedl, Natxo Checa produzione: Gabriel Abrantes, Natxo Checa, Z dos Bois, Marta Furtado origine: Portogallo, 2011 colore durata: 59 interpreti: Andreia Martina, Catarina Garpar, Alcina Abrantes, Ana Rita Franco, Teresa Castro, Mariana Roberto, Nuria Coelho, Marta Lopes, Marta Vaz do Carmo, Marta Grilo distribuzione italiana: Mutual Respect
Sceneggiatura: Gabriel Abrantes, Daniel Schmidt
Nazione: PORTOGALLO
Anno: 2011
Presentato: 68. Mostra Internazionale d'Arte Cinematografica di Venezia - 2011 Orizzonti

È la storia di due adolescenti – Ana e Margarita – le quali, in occasione di una visita all’anziana nonna, cominciano ad interrogarsi sul loro futuro e su come questo si svolgerà: sembrano ossessionate dalla vuotezza delle loro esistenze e l’unico spettatore di queste loro riflessioni, la nonna, comincia subito a propinare loro una frase non chiarissima: «il Paese è cambiato ma la gente è la stessa». E comincia così una serie di fantasie dell’anziana signora che prendono l’abbrivio addirittura dal medioevo, visto come un secolo pieno di paure e di proibizioni, ma anche colmo di bellezze e di passioni: è la storia dei due cavalieri che incontrano due «mori» i quali si stanno masturbando reciprocamente in un atteggiamento pieno di dolcezza e addirittura asessuato. E in contrasto con il passato pieno di ossessioni sessuali, la nonna rivela alle ragazzine una frase di Gregorio di Mattos del diciottesimo secolo, che afferma che l’amore è un’estasi di gambe, di pance, di arterie, una confusione di bocche, un rotolare di cosce; chiunque dica il contrario è un animale.

Con questo siparietto, si allude alla vecchia cultura portoghese che prendeva spunto – anche errato a volte – dagli insegnamenti più bigotti della Chiesa e creava quindi una società chiusa e bigotta, dalla quale trasse linfa vitale sia l’inquisizione che il fascismo di Salazar.

Ma si giunge alla morte della nonna e dalla conseguente spartizione dell’eredità: con un sistema arcaico e poco comprensibile ai nostri giorni – l’abeyan – i beni della defunta non possono essere divisi ma debbono essere di proprietà di una sola delle due nipoti; quindi una delle due dovrà recedere dall’eredita a favore dell’altra.

Ovviamente nessuna delle due sembra disposta a tale sacrificio, ma Margarita sembra avere un guizzo di genio e, con una sorta di blitz, scavalca al momento la sorella Ana, installandosi nel Palazzo della nonna, dove comincia subito a fare delle feste lussuose: quest’ultima non si arrende e pensa ad un attentato all’intero Palazzo da realizzare con un incendio violentissimo: quando le fiamme si levano dal Palazzo, Margarita e le altre ragazze che vi si trovano, riescono a mettersi in salvo e tutti sembrano salvarsi.

È forse un apologo finale nel quale si auspica che il Portogallo abbia finalmente una pace politica che possa riunire il proprio popolo e ricostruire il Paese allo stesso modo di come verrà ricostruito il Palazzo? Probabilmente l’aspettativa della nonna sarebbe proprio questo, ma i due autori fanno molta confusione nell’esplicitarlo soprattutto nella sequenza finale, dove si distrugge il passato, ma non si comprende a cosa si vada incontro e chi debba ricostruire il futuro.

Comunque, i due autori – che oltre alla regia hanno fatto la sceneggiatura, il montaggio e la musica – hanno entrambi meno di trent’anni e quindi hanno la possibilità di farsi in futuro un po’ di mestiere, specialmente nella scrittura del film, cosa che in questo mi pare notevolmente carente. (Franco Sestini)

 


RSSFacebookGoogleYoutubeSkypeEmail

Iscriviti alla newsletter
sarai aggiornato sulle nostre attività
Nome
E-mail

È il momento del
5 per millle... sostienici!!!

C.F. 02447530581


SPECIALE ASTA
Vendiamo all'asta
due fantastici cimeli della
storia del cinema.

Un'occasione imperdibile per tutti gli appassionati e i collezionisti


"La moviola"
"La poltrona di Fellini"

   
   
    Direzione: Via Giolitti 208, 00185 Roma (RM) - Tel e Fax 06/7027212
Redazione e Amministrazione: Via XX Settembre 79, 19121 La Spezia (SP) - Tel e Fax 0187/778147
C.F. 02447530581 - email: ciscs@edav.it